Partita dominata dalle Leonesse che sprecano tanto e non riescono a portare via i tre punti. In gol D’Alba e Genovesi. Mister Artistico: «Non gira bene, ma fatta ottima partita»

La Viterbese femminile non va oltre il 2-2 contro un buon Nuovo Latina Isonzo al “Vittiglio” di Roma nella terza giornata del girone di ritorno: tanti i rimpianti in casa gialloblu per le numerosissime occasioni da gol non concretizzate e per le due reti incassate dalle pontine, frutto entrambe di ingenuità difensive. In vantaggio al 12′ con il rigore trasformato da Marika D’Alba, le Leonesse si sono fatte raggiungere due minuti più tardi e poi sorpassare poco dopo la mezz’ora. Nella ripresa, al 58′ il pareggio: bella azione di Palescandolo, la cui conclusione, destinata sul fondo è stata recuperata da Giudici che con un tocco all’indietro ha servito l’accorrente Genovesi che ha freddato il portiere avversario con un tiro a mezz’altezza. Nella parte finale di gara diverse occasioni non concretizzate da parte delle gialloblu e anche un brivido finale nella propria area con un batti e ribatti davanti Marescalchi ma che non ha dato esiti.
«Non gira bene purtroppo – il commento di mister Edoardo Artistico a fine gara -. C’è amarezza perché abbiamo sempre tenuto noi il comando delle operazioni e non meritavamo assolutamente questo risultato. Purtroppo sprechiamo tante occasioni, anche se non posso dire granché alle ragazze per la prestazione, che è stata davvero buona. Il Latina è una buona squadra e ha capitalizzato le occasioni che ha creato. Ripartiamo dalla consapevolezza che possiamo crescere ancora di più sotto tutti i punti di vista, e da domani ricominceremo a lavorare in vista della prossima gara contro lo Sporting Latina».
Per le Leonesse ha parlato una delle goleador di giornata, Claudia Genovesi: «Peccato per il risultato, avremmo meritato di più. Personalmente sono contenta per il gol perché è arrivato in un momento delicato e speravamo tutte potesse darci quella spinta per ribaltarla, ma siamo state davvero sfortunate. Comunque non ci dobbiamo perdere d’animo, ci sono ancora tante partite da giocare da qui alla fine e può succedere di tutto. Sono molto contenta del lavoro che stiamo portando avanti, sotto tutti i punti di vista. Dobbiamo anche pensare da dove siamo partite, cioè con un progetto nuovo e una squadra costruita da zero. All’inizio, sono sincera, non pensavo che saremmo potute andare così bene fin da subito, invece si è creata subito una bella sinergia fra tutte quante le componenti e adesso che c’è tanto affiatamento in più tra tutte quante noi giocatrici e gli innesti importanti che sono stati fatti nel mercato invernale posso dire che siamo ancora più in grado di dire la nostra in questo girone di ritorno». E’ ancora impressa nella memoria la splendida cena organizzata dalla società maschile: un momento di condivisione tra le due “anime” sportive del sodalizio gialloblu che ha dato ancora più stimoli alle ragazze per fare bene. «E’ stato molto bello interfacciarsi con i ragazzi e i dirigenti del maschile. Ci hanno fatto sentire davvero una parte importante della società, chiedendoci tante cose di noi, del campionato. Sicuramente un approccio positivo che non può che fare bene a tutti».
E tra gli obiettivi stagionali delle Leonesse ora si aggiunge anche la Coppa regionale: sono stati sorteggiati dal Comitato regionale Lazio i gironi preliminari e le nostre Leonesse sono state inserite nel raggruppamento A con Cross Roads, Jem Soccer Academy, Monterosi e Atletico Lodigiani. Le gare prenderanno il via il prossimo 9 febbraio e termineranno il 19 aprile. La formula del torneo, con le squadre divise in quattro gironi, prevede che le vincenti di ogni raggruppamento passino alla fase ad eliminazione diretta per la semifinale (gara unica, 3 maggio) e finale (10 maggio). Il collaboratore della gestione sportiva della Viterbese femminile Riccardo Pedroli ha così commentato il sorteggio: «Siamo onorati di partecipare alla Coppa Italia Eccellenza Femminile. Onoreremo questo trofeo fino alla fine con un solo obiettivo: non essere comparse ma degne protagoniste di una competizione che ci può dare tante soddisfazioni se affrontata con impegno, sudore e sopratutto unione di gruppo, tutte qualità che ci hanno contraddistinto in questa prima parte di stagione. La Viterbese c’è e lo dimostreremo».